Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia

Servizi sindacali e informazione per medici pediatri...

Martedì, 10 Febbraio 2015 11:43

In Gran Bretagna oltre un terzo dei bambini è in eccesso ponderale

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Oltre un terzo dei bambini britannici sono in eccesso ponderale, secondo uno studio pubblicato su Archives of Disease in Childhood da cui emerge che il rapido aumento della prevalenza di sovrappeso e obesità comincia a stabilizzarsi. Per arrivare a questi risultati i ricercatori del King's College di Londra hanno esaminato le cartelle cliniche e registrate nell'arco di vent'anni, dal 1993 al 2013, di oltre 370.500 bambini tra 2 e 15 anni. «Abbiamo tenuto traccia di tutti i cambiamenti nella prevalenza di sovrappeso e obesità in questi due decenni» dice Cornelia van Jaarsveld, prima autrice dell'articolo, precisando che i dati sanitari, anonimi, sono stati estratti dallo UK Clinical Practice Research Datalink, un database che contiene le cartelle cliniche di circa 5,5 milioni di pazienti seguiti da 680 generalisti britannici. E l'analisi dimostra che tra il 1994 e il 2003 sovrappeso e obesità in età pediatrica sono aumentati di poco più dell'8% l'anno, rallentando però fino allo 0,4% annuo tra 2004 e 2013. «E ciò suggerisce una possibile stabilizzazione» osserva la ricercatrice, spiegando che il trend al ribasso è simile in maschi e femmine, ma diverso per fasce di età. Per dirla in numeri, la prevalenza nei bambini di 2-5 anni di età andava dal 19,5% nel 1995 al 26% nel 2007, mentre tra 6 e 10 anni è salita dal 22,6% nel 1994 al 33% nel 2011. I valori più alti sono stati osservati tra 11 e 15 anni, con un incremento dal 26,7% nel 1996 al 37,8% nel 2013. «Nel complesso, l'aumento dei tassi è stato significativo per tutte le età nel primo decennio di studio, ma nella seconda decade è rimasto tale solo nella fascia di età tra 11 e 15 anni» sottolinea l'autrice ipotizzando il raggiungimento di un punto di saturazione oppure un effetto delle campagne di salute pubblica. Ma in un editoriale Debbie Sharpe dell 'Università di Bristol scrive: «L'epidemia di obesità infantile in Gran Bretagna è tutt'altro che al termine, e le nostre armi attuali nella guerra contro i chili di troppo sembrano spuntate. Ma la recente proposta del Royal College of General Practitioners (RCGP) di sviluppare il cosiddetto Child Obesity Action Group (Coag) infantile potrebbe essere il primo passo per affilarle di nuovo».

Arch Dis Child 2015. doi: 10.1136/archdischild-2014-307151
Arch Dis Child 2005. doi:10.1136/archdischild-2014-307870

Letto 1123 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Febbraio 2015 10:48

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo