Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia

Servizi sindacali e informazione per medici pediatri...

Mercoledì, 01 Luglio 2015 13:15

Assistenza Migranti a Roma: Pediatri di Famiglia … e non solo! In evidenza

Scritto da 

Pediatri di Famiglia. Da lustri, oltre due generazioni, punto di riferimento di mamme e papà, nel crescere in salute, i propri figli.

Ma non solo! Quando emerge improvvisa l'esigenza di assicurare la dovuta assistenza alle fasce più deboli della nostra società, il Pediatra di Famiglia lo trovi ovunque. Fu così a L'aquila nel 2009. Fu così ancor prima a S. Giuliano nel Molise nel 2002, quando i primi soccorsi ai terremotati furono assicurati dal medico pediatra del paese, che poi vide la figlia tra le vittime.

In questi giorni a Roma e Milano non si parla di morti e feriti, per fortuna, ma di una moltitudine di esseri umani, in fuga per mille ragioni dalla loro terra, ammassati per le strade, in attesa di qualcosa o qualcuno che li aiuti a giungere a destinazione.

Migranti. Rifugiati o no, ma sempre persone in difficoltà. Con a seguito il carico dei pochi loro pochi averi ... e spesso con ciò che più hanno di prezioso: i loro figli, il loro futuro.

Non potevamo assistere inermi allo spettacolo di donne, giovani e bambini che dormivano per strada: noi, Medici e Pediatri prima di tutto, sentivamo il bisogno e l'insita vocazione a fare subito qualcosa.

Aver potuto contare partecipare, sull’Associazione "Pediatria per l'Emergenza ONLUS", volontari di Protezione Civile oggi presenti su quasi tutto il territorio nazionale, ci ha permesso di poter  estrinsecare al meglio la nostra disponibilità e professionalità.

Organizzarsi è stato un attimo: è prerogativa di chi lavora nell'emergenza.

Presi contatti con la Croce Rossa Italiana, che ha allestito una tendopoli per i migranti e che gestisce un Camper sanitario che porta soccorso nelle zone di Roma che più lo richiedono; stipulati accordi di collaborazione con le numerose associazioni che occupano di assistenza ai minori presenti; eccoci oggi, Pediatri di Famiglia che, ultimato il lavoro nei propri ambulatori, dedicano tempo ed energie residue per assicurare l'assistenza anche queste altre "famiglie" !

"Fin dal primo momento, da quando la chiusura delle frontiere di alcuni paesi europei ha comportato un brusco aumento dei migranti presenti nella nostra città, abbiamo fatto del nostro meglio per portare loro soccorso - racconta la D.ssa Teresa Rongai,Segretario della Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e provincia - organizzati in turnazioni, fin dalla scorsa settimana siamo presenti al fianco della Croce Rossa là dove ce n'è più bisogno. Anche questa, per la città, è una calamità e noi medici pediatri da anni abbiamo preso coscienza che anche questo è un compito che la nostra professione ci impone. Tutto ciò grazie all' Associazione "Pediatria per l'Emergenza ONLUS" che, dall'epoca del terremoto in Abruzzo, diffonde anche tra noi medici del territorio la cultura della grande emergenza".

 

In effetti, anche laddove non ci si trovi di fronte a vittime di terremoti o inondazioni, centinaia, migliaia di persone in migrazione, costretti a sopravvivere in situazioni precarie e spesso al limite del tollerabile da settimane, costituiscono una "calamità" che la nostra società non può ignorare.

Il Dr. Paolo Calafiore, Presidente Nazionale dell'Associazione "Pediatria per l'Emergenza ONLUS", così si esprime: "Compito di una Società civile ed evoluta come la nostra è quello di assicurare gli stessi standard di assistenza alla popolazione anche in situazioni di calamità, ancor di più se si tratta di popolazione infantile. La nostra Associazione, volontari di Protezione Civile, nasce sotto questa imprescindibile premessa. Oggi siamo presenti in molte regioni italiane con nuclei operativi, coordinato da un Consiglio Nazionale. Ci occupiamo di diffondere quella cultura dell'emergenza spesso messa in secondo piano dai piani formativi accademici e di rendere immediatamente disponibili alle istituzioni, medici pediatri ed infermieri pediatrici, per situazioni di crisi in Italia ed all'estero".

Letto 2086 volte Ultima modifica il Giovedì, 09 Luglio 2015 12:37

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo