Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia

Servizi sindacali e informazione per medici pediatri...

News Fimp

News Fimp (34)

In questa sezione è possibile trovare le news pubblicate e diffuse da FIMP nella sua newsletter agli associati.

Roma, 27 gennaio – La notizia di un accordo stretto tra Governo e Regioni per una legge nazionale sui vaccini che contempli anche (sul modello emiliano e toscano)  l’obbligatorietà delle vaccinazioni ai fini dell’accesso a scuola, circolata a partire da ieri pomeriggio dopo un incontro tra la ministra della Salute Beatrice Lorenzin e una rappresentanza della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni guidata da Antonio Saitta (nella foto), era evidentemente così bella e così in linea con le aspettative di molti da suscitare una pioggia di reazioni positive, tracimate su agenzie e siti informative in un autentico crescendo.

Valga, per tutte, il tweet di Walter Ricciardi, presidente dell’Iss, spintosi a definire in un tweet un  “accordo storico tra @BeaLorenzin e @regionitaliane per obbligo vaccini del nuovo piano: chiarezza per cittadini e protezione dei più deboli”.

Il fatto è che l’accordo  che, in buona sostanza, estenderebbe a livello nazionale quanto già deciso dalla Regione Emilia Romagna a novembre 2016 e dalla Toscana poi (giusto qualche giorno fa), ovvero l’obbligo di sottoporre a vaccinazione contro antipolio, antidifterica, antitetanica e antiepatite B i bambini ai fini della loro iscrizione agli asili nido, non c’è, o almeno non c’è ancora.

A precisarlo, in serata, è intervenuta la stessa Lorenzin, con una nota ufficiale nella quale, riconoscendo la proficuità del confronto di ieri con le Regioni sul tema di “un intervento legislativo nazionale che renda obbligatorie le vaccinazioni al fine dell’accesso ai percorsi scolastici nella scuola dell’infanzia e dell’obbligo”, si è limitata ad affermare di aver “acquisito la posizione delle Regioni” e di essersi riservata di “portare la questione all’attenzione del ministro dell’Istruzione e della ricerca scientifica e degli altri colleghi di Governo”.

“Nessuna intesa è stata raggiunta” ha chiarito la ministra, derubricando l’esito del confronto di ieri con la Commissione Salute delle Regioni all’inizio di “una interlocuzione istituzionale su di un tema di grande interesse per le famiglie italiane”.

Insomma, stringere un accordo inter-istituzionale per una legge nazionale sulle vaccinazioni è affare che riguarda il Governo nella sua interezza, e dovrà essere dunque questo ad occuparsene, sempre che lo voglia e faccia in tempo a farlo.

Del resto, sulla questione continuano a registrarsi posizioni diverse, come dimostra l’immediata, piccata reazione della Regione Lombardia alle prime agenzie che riferivano del (presunto) raggiunto incontro governo-Regioni per arrivare in tempi brevi ad una legge nazionale sull’obbligatorietà dei vaccini. “La Regione Lombardia non è assolutamente d’accordo perché riteniamo che gli obblighi non producono l’effetto di radicare nei cittadini la consapevolezza dell’utilità dei vaccini” ha tuonato l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, osservando che la posizione sostenuta dall’assessore Saitta “non rappresenta la posizione di Regione Lombardia, non è stata condivisa ed è lontana da quella che abbiamo espresso in tutte le sedi”.

La Regione Lombardia è convinta che per ripristinare un’adeguata copertura vaccinale, più che gli obblighi, servano interventi finalizzati a “rendere i cittadini consapevoli che la scelta di vaccinarsi è quella più giusta per la propria salute”. Strada per molti versi sovrapponibile a quella scelta dal Veneto, altra Regione che ha scelto di non reintrodurre l’obbligo di vaccinazione, nella convinzione che il calo delle vaccinazioni non dipenda  dalla non obbligatorietà (introdotta in Veneto nel 2007), ma da una sottovalutazione generale del rischio dovuto al possibile ritorno di malattie che proprio dai vaccini erano state debellate. In Veneto, la decisione è stata quella di stretti controlli sul territorio e della valutazione sanitaria caso per caso di fronte a bimbi non vaccinati.

“La nostra anagrafe vaccinale” spiegò a suo tempo l’assessore alla Sanità Luca Coletto “è completamente informatizzata e ci consente di tenere sotto controllo la situazione e consentendo all’Autorità sanitaria Locale, cioè il sindaco, di intervenire con propria ordinanza di allontanamento temporaneo o di esclusione del non vaccinato dove la situazione del singolo nido o della scuola d’infanzia scenda sotto la copertura del 90%”.

Per spiegare (e dirla tutta), in quella Regione è stata adottata nel novembre 2016 una delibera che introduce la richiesta del certificato vaccinale all’atto dell’iscrizione ai nidi e alle scuole dell’infanzia. L’elenco degli iscritti con la documentazione vaccinale acquisita viene trasmesso al Servizio di Igiene e sanità pubblica (Sisp) dell’Asl di riferimento: nulla quaestio, ovviamente, per i bambini vaccinati, ma il Sisp è tenuto a fornire un parere sul rischio di ammissione del bambino non vaccinato in rapporto al tasso di copertura del territorio, alla situazione epidemiologica e anche della presenza nella comunità infantile di bambini che non possono essere vaccinati per specifiche condizioni di salute.

La segnalazione del bimbo non vaccinato viene quindi inviata al sindaco del Comune competente (in quanto massima autorità sanitaria locale), al quale spetterà l’eventuale decisione di disporre, con propria ordinanza, il temporaneo allontanamento del bambino o la sua non ammissione alla struttura. Una procedura che – per qualche osservatore – oltre al rischio di una certa farragine, sembra essere un modo con il quale la Regione lascia la patata bollente dei contenziosi con i genitori no vax inviperiti per l’eventuale mancata ammissione dei loro  figli nelle scuole pubbliche agli amministratori pubblici.

È fermo da troppo tempo anche il numero dei neo specialisti Spesso è necessario optare per visite in un altro quartiere

ANNA RITA CILLIS

L'ODISSEA di una mamma inizia quando con il nuovo anno il pediatra di base dei suoi figli va in pensione. Dopo l'addio alla professione dello specialista la donna ne cerca subito un altro, ma ben presto si accorge che trovarlo non è così facile. Non si scoraggia, però, e decide di andare nella sua Asl di riferimento dove scopre che il pediatra non è stato ancora sostituito e in più nella sua zona tutti gli altri sono già pieni. Niente pediatra vicino, dunque, dovrà accontentarsi di uno con lo studio in un altro quartiere.

E questa è solo l'ultima delle tante segnalazioni di quotidiana ricerca: perché cambiare un pediatra a Roma è sempre più difficile, fanno notare dalla Fimp Lazio, costola regionale della Federazione italiana dei medici pediatri. Complici la cifra crescente dei pensionamenti, un turn over ai minimi termini e l'esiguo numero dei neo specialisti. Tra tre anni, sempre per la Fimp, le cose potrebbero peggiorare ulteriormente se si considera il previsto esodo dei professionisti per raggiunto limite di età a partire dal 2020.

«Nel Lazio i pediatri sono 778, di questi circa la metà lavora nella Capitale», spiega Teresa Rongai, segretario regionale Fimp per il Lazio. Che poi aggiunge: «A Roma, come in altre città italiane, molti pediatri di famiglia hanno raggiunto il tetto massimo di 800 bambini assistiti, una quota cui si possono aggiungere 80 piccoli pazienti in deroga, tra fratellini di assistiti e neonati entro tre mesi di età».

Insomma per Rongai «il Lazio come altre Regioni, ha una carenza cronica di specialisti senza contare che l'età media degli specialisti oscilla tra i 45 e i 64 anni». Non solo: di quei 778 pediatri in 619 hanno già raggiunto il massimale previsto.

A conti fatti, dice la pediatra «nel nostro territorio servirebbero almeno mille pediatri di base in più, perché per fortuna i bambini continuano a nascere e noi li seguiamo per molti anni. Il problema è che le nuove leve non bastano a colmare i vuoti lasciati dai pensionamenti. E a soffrire non è solo la pediatria di famiglia: anche fra gli ospedalieri c'è carenza di specialisti».

Va detto, però, fa notare Rongai «che il sistema sanitario pubblico per gli under-14 regge e a volte la carenza di pediatri convenzionati presenti sul territorio viene colmata dalla possibilità che hanno i genitori di iscrivere il proprio bambino, a partire dai sei anni in poi, dal medico di medicina generale: senza nulla togliere ai colleghi come categoria vorremmo poter seguire i ragazzi fino a 14 anni ». Del resto in altri Paesi i ragazzi dicono addio al proprio pediatra a 18 anni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mi scusi, vorrei cambiare il pediatra di famiglia". Una richiesta semplice, fatta al Cup di una Asl italiana, che però oggi rischia di essere rimbalzata. "A Roma, ma anche in molte altre città d'Italia, i pediatri attivi hanno raggiunto il massimale di 800 bambini assistiti in convenzione. Una quota a cui si possono aggiungere 80 piccoli pazienti in deroga, tra fratellini di assistiti e neonati entro 3 mesi di età", spiega all'AdnKronos Salute Teresa Rongai, segretario regionale Fimp (Federazione italiana medici pediatri) per il Lazio. Ma dal momento che ci sono stati molti pensionamenti, la ricerca di un pediatra rischia di diventare una 'mission impossible'. "Si calcola che nel 2010-15 abbiamo 'perso' 1.750 pediatri, mentre in base ai dati anagrafici tra il 2015 e il 2020 ne andranno in pensione 3.630", dice Rongai.

Un'emorragia di dottori dei bambini "che la Fimp prevedeva e segnalava già dal 2014. E che nel 2015 ha visto un record di 7-800 pediatri pensionati in tutta Italia. Ma che non è destinata a fermarsi - avverte Rongai - Nel 2020-25 avremo ben 4.600 pediatri in meno. C'è, insomma, un problema di sostenibilità del sistema, con il quale i genitori italiani sono costretti a fare i conti. Ci chiamavamo pediatri di libera scelta perché le famiglie potevano scegliere liberamente lo specialista di fiducia vicino casa. Ora, di fatto, questa possibilità di scelta in molti casi non c'è più".

E la situazione rischia di peggiorare, visto che i pediatri invecchiano e vanno in pensione, ma i giovani arrivano col contagocce. "Oggi sono circa 11 mila i pediatri di libera scelta attivi, mentre ne servirebbero 14 mila. Dalla nostra specialità escono però solo 280 giovani l'anno, troppo pochi per sanare le uscite", chiarisce l'esperta.

Ma in un'Italia che invecchia servono davvero tanti pediatri? "Certamente - risponde Rongai - perché per fortuna i bambini continuano a nascere e noi li seguiamo per molti anni. Il problema è che le nuove leve non bastano a colmare i vuoti lasciati dai pensionamenti. E a soffrire non è solo la pediatria di famiglia: anche fra gli ospedalieri c'è carenza di specialisti. Vorrei ricordare che la nostra presenza sul territorio fa dell'assistenza pediatrica italiana un fiore all'occhiello rispetto al resto d'Europa. Un tipo di assistenza ora a serio rischio".

Secondo il segretario regionale Fimp Lazio, insomma, è arrivato il momento di ripensare la programmazione. "E bisogna farlo in fretta, anche perché la gobba pensionistica avrà il suo apice nel 2020-30", ricorda.

Il problema di trovare o cambiare il dottore del piccolo di casa non riguarda per ora i neonati e i fratellini dei baby-pazienti, "che - ribadisce l'esperta - possono essere iscritti in deroga, anche se questa informazione potrebbe non essere conosciuta da tutti i genitori: nel Lazio, ad esempio, sul sito apposito il pediatra appare completo e non si segnala la possibilità di iscrivere comunque un neonato o un fratellino". Invece anche la comunicazione corretta e completa "è importante, e potrebbe semplificare la vita ai genitori", conclude Rongai.

Mercoledì, 21 Dicembre 2016 16:38

RIATTIVATO IL CENTRO "LA SCARPETTA"

Scritto da

Gentilissima/o,
 In allegato il nuovo numero della newsletter settimanale del presidente della commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio Rodolfo Lena.
 

All’interno, le ultime notizie da Giunta e Consiglio. 

Cordiali saluti

Dopo l'incontro di oggi in SISAC sulla nuova bozza di ACN per il rinnovo dell'Accordo Nazionale per la Pediatria di libera scelta, la FIMP riscontra la distanza tra le parti che sembra colmabile con grande difficoltà.

"Se il risultato della trattativa sviluppatasi pur tra mille difficoltà in questo anno è la bozza presentataci da SISAC, bisogna prendere atto con rammarico che si allontanano i presupposti per chiudere un nuovo Accordo” - dichiara Giampietro Chiamenti, Presidente della FIMP -. Più volte abbiamo dichiarato che l'assistenza pediatrica territoriale rappresenta già oggi un esempio funzionale e moderno che non ha bisogno di essere stravolto, ma solo adeguato a principi legislativi intercorsi che, pur poco adatti ad un modello di assistenza pediatrica efficace, abbiamo cercato di rendere applicabili e coerenti al nostro attuale modello assistenziale. Purtroppo - prosegue Chiamenti -, nonostante il percorso fin qui attuato, quanto declinato nell'articolato non conferma le nostre aspettative. L’esiguità delle risorse economiche previste ad oggi, per altro, accentua le preoccupazioni della categoria già in difficoltà per un contratto di lavoro bloccato da anni”.

Per FIMP, che è il sindacato maggiormente rappresentativo della Pediatria di Famiglia, è necessaria una verifica della condivisione dei principi sui quali impostare il rinnovo dell'ACN, mediante un franco confronto con le Regioni rispetto alle loro aspettative assistenziali per l'area pediatrica. Inoltre sarà utile un passaggio analogo col Ministero della Salute che recita un ruolo di garanzia sulla uniformità della assistenza nel territorio italiano.

Alla ripresa delle trattative, FIMP ripresenterà le proprie proposte per l'ACN, in coerenza con la legislatura vigente che incide sul nuovo modello di pediatria convenzionata in modo da rappresentare garanzia al mantenimento del livello assistenziale, nell'interesse delle famiglie, dei bambini e degli adolescenti, secondo il principio di equità e solidarietà su tutto il territorio nazionale

 

Roma, 15 dicembre 2016

 

 

 

 

 

Lunedì, 07 Novembre 2016 10:28

LIBRO "I BILANCI DI SALUTE" (M.Picca - M.Pierattelli)

Scritto da

Cari Colleghi,

 

come già comunicato in precedenza, in occasione del Congresso Nazionale FIMP tenutosi a Pisa dal 29 Settembre al 1 Ottobre,

è stato presentato a tutti i partecipanti un prezioso libro per la nostra attività ambulatoriale dal titolo

“I Bilanci di Salute”, a cura di Marina Picca e Monica Pierattelli con la collaborazione di numerosi Pediatri di Famiglia.

Strumento altamente qualificante, utile ed appropriato per il nostro lavoro, soprattutto per le visite filtro che effettuiamo attraverso i bilanci di salute.

 

 

Il libro è disponibile presso la nostra Segreteria (Via Gian Luca Squarcialupo, 20) dal 04/11/2016.

Potrete ritirare le copie concordate  negli orari di apertura dell’ufficio previa chiamata di avviso ai numeri indicati in calce.

Un caro saluto a tutti.

 

Teresa Rongai

Segretario FIMP Roma e provincia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Federica Di Mario

Segreteria FIMP Roma e Provincia

Via Gian Luca Squarcialupo, 20

00162 Roma

'Tel. 06-44247925

7Fax 06-44249990

Mobile 3358037630

*  E-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.E.C. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Lo stress post trauma scatena reazioni mentali e fisiche

31 Ottobre , 19 : 37 (ANSA) - ROMA, 31 OTT - Ipertensione, mal di stomaco, cefalea per gli adulti. Problemi di appetito, atteggiamenti regressivi nei più piccoli. Insonnia per tutti. Il terremoto pesa sulla salute di chi lo ha vissuto, a prescindere dalle ferite fisiche. "Quello che ci troviamo ad affrontare in questi giorni - spiega all'ANSA Renzo Broccoletti, segretario Fimmg Provincia di Rieti - sono soprattutto emicranie da stress, coliti, crisi di panico. La conseguenza è che facciamo molte più prescrizioni di tranquillanti e in dosi più alte. In particolare i casi di insonnia dovuta all'ansia si sono almeno quintuplicati. Inoltre, negli anziani sono molto peggiorati i dolori ossei e con molta più frequenza assistiamo a crisi ipertensive, perché c'è chi dimentica di assumere i farmaci per la pressione o chi li ha dimenticati a casa e quindi è rimasto alcuni giorni senza". Lo stress non risparmia i più piccoli, spiega Antonio Masetti, pediatra di Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp) e vice presidente di Pediatria per l'Emergenza Onlus. "Apparentemente i bambini sembrano continuare a giocare anche tra le macerie, ma questa è una forma di rimozione dei traumi, perché non riescono a estrinsecarli. In più per loro alle problematiche dovute allo stress e al trasferimento, si sommano quelle infettive stagionali". Particolarmente delicata, sottolinea la situazione dei neonati, viste le difficoltà dell'allattamento in situazioni di stress come può essere un terremoto. "Le mamme devono sforzarsi particolarmente di mantenere il latte per evitare un ulteriore stress al piccolo". Il danno non è solo per chi vive in prima persona il trauma, ma anche per i bimbi che vedono in tv persone che piangono o che perdono tutto, spiega Pietro Ferrara, professore di Pediatria all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e al Campus Biomedico. "A prescindere che l'esposizione sia stata diretta o indiretta, a distanza di tempo gli effetti delle immagini violente sono quasi gli stessi: ansia, mancanza di appetito, insonnia, pipì a letto, calo del rendimento scolastico, attaccamenti morbosi. Questo significa che il bambino non ha rielaborato", sottolinea Ferrara, membro Società Italiana di Pediatria (Sip). Non esiste una ricetta buona per tutti ma, consiglia, "meglio non dire bugie e utilizzare un vocabolario semplice per decodificare un messaggio difficile. E soprattutto spiegare che non bisogna aver paura della paura, perché è una reazione normale che hanno anche gli adulti".(ANSA). 

22 giugno 2016

Cari Colleghi,

Vi segnalo oggi i dati emersi dall’analisi del Rapporto OsMed, che evidenziano come anche nel 2015 i medicinali per il sistema cardiovascolare si confermino la categoria maggiormente consumata dagli italiani.

 

Rapporto OsMed: i farmaci cardiovascolari si confermano la categoria a maggior consumo

 

In linea con il trend degli ultimi anni, i dati emersi dall’analisi del Rapporto OsMed 2015 relativi ai farmaci erogati a carico del Servizio Sanitario Nazionale attraverso le farmacie pubbliche e private, le strutture pubbliche e a carico del cittadino, evidenziano che anche nel 2015 i medicinali per il sistema cardiovascolare si confermano la categoria maggiormente consumata dagli italiani 534,3 DDD ogni 1.000 abitanti die) mentre sono “scivolati” al terzo posto in termini di spesa (4.079 milioni di euro, 67,1 euro il dato pro capite).

 

Scarica il Rapporto OsMed, disponibile anche in versione accessibile

 

 

Vai sul sito AIFA per la notizia originale


22 giugno 2016

 

 

 

Mercoledì, 09 Marzo 2016 15:52

XXV anno della fondazione della SIMEUP

Scritto da

XXV anno della fondazione della SIMEUP

 

Dipartimento di Pediatria

Policlinico Umberto I

Sapienza Università di Roma

Viale Regina Elena 324

12 marzo 2016

ore 10.30

 

si allega invito e programma dell'evento

 

Al termine dell'incontro di oggi a Palazzo Chigi con i ministri Beatrice Lorenzin e Marianna Madia e il sottosegretario Claudio De Vincenti, I sindacati medici hanno sospeso lo sciopero generale di 48 ore già indetto per il prossimo 17 e 18 marzo.  Lo sciopero è stato rinviato di 60 giorni e potrebbe dunque essere nuovamente proclamato nel mese di maggio.

Alla luce delle aperture del governo sulla vertenza sanità, I medici hanno deciso di sospendere lo sciopero. I rappresentanti delle sigle sindacali hanno apprezzato l'atteggiamento positivo su tutti fronti: dalla riforma della formazione pre e post laurea, al processo per garantire la stabilizzazione dei precari, al lavoro per mettere fine ai contratti atipici, al contenimento dell'attività di esternalizzazione sanitaria attualmente molto in voga in alcune regioni.

Ma l'agitazione continua "perché oltre ai buoni propositi non si è parlato di cifre e di soldi". Dunque ancora incontri e assemblee che culmineranno nella grande riunione "probabilmente a fine aprile a Firenze".

InizioPrec123SuccFine
Pagina 1 di 3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo